Facebook e gli hashtags

L’hashtag di Twitter su Facebook

Gli hashtag sono un’invenzione di Twitter, che hanno riscontrato un grandissimo successo. Ora ci sono anche su Facebook. L’obiettivo degli hashtag è quello di rendere le conversazioni più facili da seguire sul social network. L’introduzione degli hashtag su Facebook è stata annunciata dalla società di Zuckerberg mercoledì 12 giugno. Durante la conferenza stampa è stato dichiarato che il sistema degli hashtag sul social network blu era già stato introdotto su Facebook in versione inglese e che verrà introdotto a breve anche per le altre lingue in cui facebook è tradotto, tra cui ovviamente l’italiano. Da tempo si parlava oramai della possibilità di introdurre gli hashtag e a marzo il social network blu aveva dichiarato che il sistema era quasi pronto.

A cosa servono questi hashtag?

Quando un argomento diventa molto discusso gli utenti hanno la possibilità di postare utilizzando l’hashtag, ovvero parole o combinazioni di parole concatenate precedute dal simbolo # (cancelletto, in inglese hash). Gli hashtag sono una sorta di etichetta, che serve a rendere più facili da rintracciare le discussioni su quel determinato argomento. Il cancelletto rende la parola un link e cliccandoci sopra è possibile visualizzare tutte le discussioni in cui è stata inserita. È dunque uno strumento molto utile per chi vuole ricercare tutto ciò che è stato detto su un argomento.

Su altri social

Su Twitter l’hashtag è cosa vecchia ed é diventato nel corso del tempo una delle sue più significative risorse. Anche altri servizi social hanno adottato gli hashtag, come per esempio Instagram, Tumblr e  Pinterest.